Accesso agli atti e documenti, in vista delle modifiche per renderlo più facile

Fonte www.orizzontescuola.it

Ecco come…

Il diritto di accesso ai documenti amministrativi è stato disciplinato (e lo è tuttora, almeno sino all’approvazione dell’apposito decreto attuativo della riforma della Pubblica Amministrazione) dal decreto legislativo n. 33/2013 Riordino della disciplina riguardante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni”. ( per il decreto qui )

 Il detto diritto è riconosciuto al fine di assicurare la trasparenza dell’attività amministrativa e di favorirne lo svolgimento imparziale (come leggiamo all’articolo 22 della legge n. 241/90).

Il procedimento di accesso agli atti della P.A. inizia con una richiesta, da parte del soggetto interessato, all’Amministrazione che detiene il/i documento/i o è responsabile del procedimento richiesto; gli uffici nei confronti dei quali si può esercitare il diritto di accesso sono: amministrazioni dello Stato; uffici pubblici; aziende autonome; enti pubblici; concessionari di servizi pubblici.

È chiaro che il cittadino non può avere accesso a tutti gli atti della P.A., in quanto ve ne sono alcuni, come i documenti coperti da segreto di Stato, da segreto o divieto di divulgazione, nei confronti dei quali non si può esercitare il suddetto diritto.

La condizione necessaria affinché si possa accedere agli atti della Pubblica Amministrazione è che vi sia da parte del richiedente un interesse giuridicamente rilevante nei confronti dell’atto e/o del procedimento oggetto del diritto di accesso. Mancando tale interesse, l’Amministrazione deve rifiutarsi di permettere la visione/riproduzione dell’atto e/o del procedimento richiesto.

Tale imprescindibile condizione, alla luce della Riforma della Pubblica Amministrazione verrà meno, stravolgendo quello che sino ad ora è stato il procedimento di accesso agli atti disciplinato dal suddetto decreto legislativo n. 33/2013 (non ci dilunghiamo sulla descrizione della procedura, sin qui prevista, in attesa che la nuova fonte normativa, ossia l’apposito decreto attuativo venga definitivamente approvato).

Tra i diversi decreti attuativi della Riforma “Madia”, quello che disciplina anche il procedimento di accesso agli atti della Pubblica Amministrazione è il decreto legislativo “Recante revisione e semplificazione delle disposizioni in materia di prevenzione della corruzione pubblicità e trasparenza correttivo della legge 6 novembre 2012 n.190 e del decreto legislativo 14 marzo 2013, n. 33, ai sensi dell’articolo 7 della legge 7 agosto 2015, n.124, in materia di riorganizzazione delle amministrazioni pubbliche”, che, approvato già del Governo, dovrà ottenere il parere non vincolante del Parlamento e fare un ulteriore passaggio in Consiglio dei ministri.

Lo schema di decreto (pubblicato su Il Fatto Quotidiano) all’articolo 6, commi 1 e 2,  così detta:

1. L’articolo 5 del decreto legislativo n. 33 del 2013 è sostituito dal seguente: “Art. 5 (Dati pubblici aperti e accesso civico) – 1.Allo scopo di favorire forme diffuse di controllo sul perseguimento delle funzioni istituzionali e sull’utilizzo delle risorse pubbliche e di promuovere la partecipazione al dibattito pubblico, chiunque ha diritto di accedere ai dati detenuti dalle pubbliche amministrazioni, ulteriori rispetto a quelli oggetto di pubblicazione ai sensi del presente decreto, nel rispetto dei limiti relativi alla tutela di interessi pubblici e privati giuridicamente rilevanti.

2. L’esercizio del diritto di cui al comma 1 non è sottoposto ad alcuna limitazione quanto alla legittimazione soggettiva del richiedente. L’istanza di accesso civico identifica chiaramente i dati richiesti, non richiede motivazione ed è trasmessa all’ufficio che detiene i dati. In alternativa, la richiesta può essere trasmessa all’Ufficio relazioni con il pubblico o ad altro ufficio indicato dall’amministrazione nella sezione “Amministrazione trasparente” del sito istituzionale. Ove l’istanza abbia a oggetto dati oggetto di pubblicazione obbligatoria ai sensi del presente decreto, l’istanza può essere altresì presentata al responsabile della prevenzione della corruzione e della trasparenza. L’istanza può essere trasmessa per via telematica secondo le modalità previste dal decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82, e successive modificazioni. Il rilascio di dati in formato elettronico o cartaceo è subordinato soltanto al rimborso del costo sostenuto dall’amministrazione.

Chiunque, quindi, può richiedere di accedere ai dati delle pubbliche amministrazioni, rispettando i limiti volti a tutelare gli interessi pubblici e privati giuridicamente rilevanti; la richiesta, inoltre, non deve essere motivata.

Dalla lettura del comma 1, si evince chiaramente che viene capovolto il principio dell’interesse giuridicamente rilevante: secondo il decreto legislativo n. 33/2013, la richiesta deve fondarsi su un interesse (del richiedente) giuridicamente rilevante nei confronti dell’atto e/o del procedimento oggetto del diritto di accesso; secondo il nuovo decreto legislativo, invece, chiunque può accedere agli atti della PA, anche chi non ha interesse nei confronti dell’atto. L’interesse giuridicamente rilevante da tenere in considerazione e da tutelare, invece, è quello dello Stato e di soggetti privati.

Il diritto d’accesso, così come previsto, dovrebbe assicurare la massima trasparenza degli atti della Pubblica Amministrazione, eccetto nei casi in cui (come appena detto) vi siano necessità di riservatezza dello Stato o di soggetti privati.

La riservatezza nei confronti dello Stato, con relativo rifiuto di accesso agli atti, entra in gioco qualora vi siano necessità di sicurezza pubblica, relazioni internazionali e dati circa la stabilità finanziaria.

La riservatezza nei confronti dei privati, invece, entra in gioco nel caso di dati personali e di interessi economici e commerciali.

Nei casi di riservatezza sopra descritti, l’accesso può comunque avvenire, qualora il richiedente riesca a dimostrare un interesse superiore alla conoscenza delle informazioni.

Il richiedente, inoltre, qualora l’Amministrazione non risponda o ritardi, può presentare ricorso al TAR (pagando un contributo unificato di 300 euro) trascorsi 30 giorni dalla richiesta. È, infine, previsto un indennizzo di 30 euro per ogni giorno di ritardo dopo il trentesimo.

La richiesta d’accesso deve specificare le generalità del richiedente, che deve allegare il documento d’identità e dichiarare la propria disponibilità a rimborsare i costi sostenuti dall’Amministrazione (fino ad oggi è stato gratuito).

Il richiedente, pur non conoscendo gli estremi dell’atto da visionare, può comunque avanzare la richiesta indicandone il contenuto e la data presunta.

Alla luce dell’analisi svolta, risulta evidente l’intento del legislatore di rendere maggiormente trasparente e, conseguentemente, imparzizale l’azione amministrativa.

Risposta MIUR del dott. Guido Dell’Acqua sulla stesura del PDP

immagin

Gentile Dottore,

Siamo un gruppo di piccole associazioni interessate ai DSA e ricorriamo a lei con la speranza di avere una risposta chiara e univoca su alcune questioni inerenti il pdp che ogni anno in questo periodo di redazione e di firma puntualmente si propongono:

- Gli studenti dsa hanno diritto ad usare gli strumenti previsti nel vecchio pdp fino alla redazione del nuovo nei test d’ingresso e nelle prove scritte e orali?
- Gli studenti in attesa del loro primo pdp hanno diritto ad usare in attesa della redazione dello stesso degli strumenti compensativi e dispensativi? Se sì, quali? Quelli consigliati nella diagnosi depositata in segreteria?
- O durante il periodo di osservazione gli strumenti vanno effettivamente tolti durante test e verifiche, come denunciano alcuni nostri associati?

- Il pdp può essere consegnato in visione alla famiglia prima della firma, perché sia letto con attenzione ed eventualmente sottoposto agli specialisti che seguono lo studente?

- È possibile la redazione di un pdp per ragazzi con bisogni educativi speciali? È a discrezione del consiglio di classe o anche la famiglia ne può fare richiesta?

- Riguardo la valutazione: un voto positivo può “cancellarne” uno negativo sul medesimo argomento o gli insegnanti sono costretti a fare la media con entrambi i voti?

La pregheremmo in oltre di darci il Suo consenso alla divulgazione della Sua risposta nelle scuole frequentate dagli studenti da noi seguiti, al fine di fugare ogni possibile dubbio o contestazione.

RingraziandoLa per il tempo dedicatoci, Le porgiamo i nostri più distinti saluti.

Associazione DI.RE FA.RE
Beautiful Mind
L’orto del sapare
Relessica
SOS DISLESSIA Alta Val di Cecina

RISPOSTE DAL MIUR

rispondo in ordine:

-          Gli strumenti compensativi e le misure dispensative sono generalmente già elencati nella certificazione. In attesa della formalizzazione del Piano Didattico Personalizzato (PDP)  vanno attuate preventivamente le misure indicate nella certificazione; gli eventuali voti negativi ottenuti senza gli strumenti compensativi e le misure dispensative vanno riconsiderati alla luce del PDP e non possono assolutamente fare media. I test di ingresso essendo tali non dovrebbero a priori fare media.
-          Certamente copia del PDP può essere consegnato alla famiglia che ne faccia richiesta prima di firmarlo, per studiarlo e/o sottoporlo agli specialisti di fiducia.
-          Il consiglio di classe è sovrano nel decidere se fare o meno un PDP per alunni con bisogni educativi speciali che non ricadano sotto l’ombrello della legge 104/1992 o della legge 170/2010. Se poi la famiglia non lo vuole, deve motivare per iscritto il diniego alla firma. Viceversa, anche la famiglia può chiedere al consiglio di classe che sia adottato un PDP e nel caso il consiglio di classe fosse contrario, deve verbalizzarne il motivo.
-           Gli alunni che hanno diritto alla compensazione orale delle prove scritte con prove orali compensano appunto le prove scritte e quindi se la prova orale è buona non ha senso che il voto finale sia una media… quantomeno dovrebbe esser una media pesata con peso preponderante sulla prova orale.

-           

Ovviamente può divulgare presso chi vuole queste risposte, che non rappresentano la sola mia opinione ma quella dell’ufficio scrivente tutto. Sperando di essere stato esaustivo e rimanendo a disposizione per ulteriori chiarimenti, invio i miei più cordiali saluti

Guido Dell’Acqua

RISPOSTA

LA LEGGE E LA PRATICA

Immagine

da un post di Giacomo Cutrera

LA LEGGE E LA PRATICA

Lo sapevate che l’ 80% delle persone che legge il giornale legge solo i titoli e voi invece state leggendo un post scritto sotto un’immagine apparentemente incomprensibile. (avete la mia stima).
Oggi volevo parlarvi della legge 170 che è la legge sulla dislessia e in generale sui DSA.
Si tratta di una legge abbastanza semplice e compatta che però molto spesso non viene applicata. La mia domanda è “perché?”.

Per capire ho provato a guardare ad altre regole ancora più banali per vedere come funziona.
Ad esempio esiste una regola che dice di rispettare i limiti di velocità in strada.
Credo sia nata per un motivo semplice, probabilmente si sono resi conto che se si viaggia troppo veloci in centro abitato e un bambino sbadato attraversa la strada il mondo si ritrova automaticamente con un bambino sbadato in meno.

Si è scritta la LEGGE, è stata approvata e tutti hanno esultato
…il giorno dopo un bambino viene investito a un automobilista che andava a 100 km/h in centro abitato.

Allora si decide di mettere cartelli ovunque per ricordare la legge, perché l’ INFORMAZIONE è importantissima.
…il giorno dopo un altro bambino investito.

Probabilmente manca ancora qualcosa… ci pensano e dicono “FORMAZIONE” gli automobilisti prima di salire in macchina devono conseguire una patente, fare corsi in cui vengono formati e poi un bell’esame per vedere se hanno capito bene.
…il giorno dopo un altro bambino viene investito

Probabilmente la formazione è troppo teorica serve la PRATICA, anche questa con un bell’esame alla fine.
…il giorno dopo un altro bambino viene investito

ecchecacchio, adesso basta, si passa alle maniere forti ora andiamo a colpire dove fa male davvero : IL PORTAFOGLI, mettiamo autovelox telecamere ecc sparsi qua e la e diamo multe salate a chi viene beccato a infrangere la legge.
e… lo sapete già …
…il giorno dopo un altro bambino viene investito.

A questo punto non ci si vede più, se becchiamo uno che va a 100 Km/h in centro abitato gli RITIRIAMO LA PATENTE, gli svuotiamo il portafogli e, già che ci siamo lo gonfiamo di sberloni.
… questa volta … no, mi dispiace
…il giorno dopo un altro bambino viene investito.

L’ultimo giorno (con tutti i bambini barricati in casa per sicurezza) provano a fermare qualche automobilista che sfreccia a gran velocità e provano a domandargli perché lo fa.
le risposte sono :

- Il 99% dei limiti di velocità sono esagerati.
- Lo stato fa leggi stupide.
- Lo stato dovrebbe fare le strade fatte meglio non mettere limiti bassi.
- Ho studiato e sono capace di frenare all’occorrenza.
- Non vedo nessun bambino in strada.
- Le multe e gli autovelox sono solo un “businisss” dove lo stato, i vigili, le autoscuole ci mangiano.

… il giorno dopo …

ecco… non esiste nessuna legge che si salva da questo principio.
Nessuna legge è tanto potente da rendere superflua la buona volontà dell’uomo.

La legge 170 sulla dislessia è molto simile è nata per evitare che vi siano ingiustizie nei confronti delle persone dislessiche, ma esistono persone che non la rispettano e che si autogiustificano attingendo da cose reali o verosimili:

- Le classi sono molto numerose.
- Non si investe nella scuola
- La formazione deve essere di qualità migliore
- I politici pensano solo a se stessi.
- I genitori difendono sempre i figli.
- Su ogni problema esiste qualcuno che cerca di lucrarci.

Sono tutti argomenti che hanno un fondo di verità, ma vengono usati per nascondere una verità che la persona non vuole vedere. “Tu non stai rispettando la legge.”, “Tu stai sbagliando.” sicuramente sbaglia spesso anche lo stato, il vigile e l’istruttore di scuola guida che ti fa fare un paio di guide in più quando non ne hai bisogno per lucrarci, ma questo non toglie che se tu sfrecci ad alta velocità in centro abitato rischi di tirar sotto qualcuno.

Mi dicono spesso che queste cose non le devo dire ai genitori, ma agli insegnanti. in realtà io le dico a tutti, ai genitori, agli insegnanti e ai genitori degli insegnanti (quando mi capita Emoticon smile )

Va cambiata la mentalità e questo non riguarda solo una categoria, riguarda tutti. Siamo abituati ad autogiustificarci perché gli altri sbagliano (e in questo i politici ci danno un immediato appiglio), ma quelli che stanno veramente cambiando le cose sono quelli che stanno applicando la legge per davvero che sono anche quelli che vengono presi in giro dagli altri perché si “sbattono” quando potrebbero non farlo. Quelli cambiano il mondo, gli altri non fanno altro che arricchire le speculazioni che girano intorno ai problemi.

Se io insegnante non applico la legge lo studente deve poi “recuperare” quello che io non ho fatto in altro modo :
Se si è fortunati si trova gente onesta che propone (a costi onesti):
- Lezioni private.
- Doposcuola specializzati.

Ma, se va male, si finisce anche in mano a gente che ci specula:
- Falsi esperti che propongono metodi risolutivi ad alto costo
- Maghi.
- Speculatori.

Ci rendiamo conto che tutto questo non esisterebbe se la nostra mentalità cambiasse. Sarebbe bello davvero.

Una persona che corre troppo vede un bambino che sbuca dal marciapiede, cerca di frenare senza successo e lo uccide non se lo perdona per tutta la vita.
Al di la dei grandi discorsi questo è il succo. La realtà cruda che nessuno vuole vedere, ma che è probabilmente l’unica capace di scardinare la nostre “scuse”.

Un abbraccio
Giacomo

Sito di Supporto allo studio per Bambini e Ragazzi con DSA e non

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi