Cosa significa compensare uno scritto deficitario con l’orale

Dalle Linee guida per il diritto allo studio degli alunni e degli studenti con DSA – allegate al DM n. 5669 pag. 19 leggiamo:
“Per quanto concerne le misure dispensative, oltre a tempi più lunghi per le verifiche scritte o a una quantità minore di esercizi, gli alunni con disgrafia e disortografia sono dispensati dalla valutazione della correttezza della scrittura e, anche sulla base della gravità del disturbo, possono accompagnare o integrare la prova scritta con una prova orale attinente ai medesimi contenuti.”

Ma  nella pratica cosa significa?

Cerca di spiegarlo il prof. Guido dell’Acqua, del Ufficio IV (Disabilità DSA e integrazione alunni stranieri), al convegno di Parma del 20/04/2016

I voti dello scritto e della compensazione orale     NON DEVONO FARE MEDIA….

ESTRATTO DEL CONVEGNO

 
 
 
Questa è una trascrizione delle esatte parole, nel caso qualcuno avesse bisogno di stamparle e portare a scuola
 
Immagine
Qua il filmato per intero e le slide

E ancora:

 

Share it now!

Lascia un commento

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"