Lettera per contestare una bocciatura o una sospensione del giudizio per inadepenzienze della scuola

In caso voleste contestare bocciature o sospensioni di giudizio per le inadempienze della scuola riguardanti i DSA, lassociazione  proponiamo un modello di RECLAMO AL DIRIGENTE, ricordandovi che ci sono 15 giorni di tempo per presentarlo, a partire dalla data della pubblicazione dei provvedimenti nell’albo della scuola.

Questa procedura è del tutto gratuita e il Dirigente “deve pronunciarsi sul reclamo stesso nel termine di trenta giorni, decorso il quale l’atto diviene definitivo.

Gli atti divengono altresì definitivi a seguito della decisione sul reclamo.” (DPR.275/99).
E’ indispensabile cercare di ricondurre il più possibile la normativa al caso specifico.
Non dimenticate di fornire le vostre generalità complete, indirizzo e reperibilità (mail e telefono) e di allegare diagnodi e PDP.

Sotto uno scritto della  Relessica Associazione volontariato con lettera e normativa inclusa

Lettera per contestare bocciature o sospensioni di giudizio per le inadempienze della scuola

Esami di Stato 2017 e DSA: alcune indicazioni utili

FONTE:  AID

Mancano pochi giorni alla fine dell’anno scolastico e tanti ragazzi si stanno preparando ad affrontare l’esame di stato. Con l’ordinanza ministeriale 257/2017, il MIUR ha diffuso le Istruzioni e modalità organizzative ed operative per lo svolgimento degli esami di Stato,incluse quelle che riguardano gli studenti con Disturbi Specifici dell’Apprendimento (DSA).

Vediamo insieme alcune indicazioni utili ad affrontare serenamente la maturità.

L’articolo 23 “Esame dei candidati con DSA e BES” specifica che “la commissione d’esame terrà in debita considerazione le specifiche situazioni soggettive, adeguatamente certificate, relative ai candidati con disturbi specifici di apprendimento (DSA)”, in particolare

  • le modalità didattiche
  • le forme di valutazione individuate

individuate nei percorsi didattici individualizzati e personalizzati.

STRUMENTI COMPENSATIVI: CONSEGNA MAPPE, FORMULARI E TABELLE

Durante l’esame i ragazzi potranno utilizzare tutti gli strumenti compensativi (inclusivi i software informatici) e le misure dispensative previste nel loro PDP e utilizzate durante l’anno scolastico.

Si suggerisce di consegnare i materiali prodotti dai ragazzi durante

l’anno anticipatamente alla segreteria della scuola, affinché i fogli (mappe / tabelle/ formulari) vengano timbrati, firmati e messi nella cartelletta personale del ragazzo, che sarà poi a sua disposizione durante le prove d’esame. Vi consigliamo di chiedere informazioni in merito al coordinatore di classe o al referente DSA dell’istituto.

L’articolo 23 precisa inoltre che “potranno essere previste particolari attenzioni finalizzate a rendere sereno per tali candidati lo svolgimento dell’esame sia al momento delle prove scritte, sia in fase di colloquio”. In particolare:

  • I candidati possono usufruire di dispositivi per l’ascolto dei testi della prova registrati in formati “mp3”.
  • Per la piena comprensione del testo delle prove scritte, la Commissione può prevedere di individuare un proprio componente che possa leggere i testi delle prove scritte.
  • Per i candidati che utilizzano la sintesi vocale, la Commissione può provvedere alla trascrizione del testo su supporto informatico.

Si segnala, infine, l’opportunità, per la commissione, di prevedere tempi più lunghi per lo svolgimento delle prove scritte e di adottare criteri valutativi attenti soprattutto al contenuto piuttosto che alla forma.

Queste sono le condizioni che, da alcuni anni, permettono agli studenti con DSA di sostenere con esito positivo l’esame di Stato e di conseguire il diploma conclusivo dei corsi di studio di istruzione secondaria superiore.

Rispetto all’ordinanza ministeriale del 2016, quella di quest’anno specifica meglio l’esito finale della scelta di percorsi diversi nella lingua straniera.

Nel Comma 2 dell’articolo 23, infatti, si precisa che “gli studenti con DSA che hanno seguito un percorso didattico differenziato, con ESONERO dall’insegnamento della/e lingua/e straniera/e, possono sostenere prove differenziate, coerenti con il percorso svolto, finalizzate solo al rilascio dell’attestazione”, come previsto per gli alunni con disabilità (art.22, comma 9).

Pertanto, come per gli scorsi anni, si conferma che:

  • DISPENSA DALLO SCRITTO della lingua straniera => DIPLOMA
  • ESONERO lingua straniera => ATTESTATO

POSSIBILITÀ DI UTILIZZARE IL PROPRIO PC DURANTE LE PROVE

Gli studenti con DSA devono poter utilizzare gli strumenti che ritengono più funzionali, e che consentano loro di vivere il momento della prova con la dovuta serenità, senza fattori di ansia aggiuntivi.

È quindi importante consentire ai ragazzi di utilizzare il proprio PC durante le prove d’esame, perché possono avere installato dei software specifici su cui hanno improntato il loro metodo di studio.

A conferma di tale possibilità, nella sezione “modulistica famiglie” presente nel sito URP-MIUR è possibile scaricare un “Modulo richiesta utilizzo pc personale agli Esami di Stato alunni con DSA”.

La lettera deve essere modulata sulle esigenze di ogni singolo alunno, consegnata e protocollata in segreteria.

Le resistenze della scuola all’utilizzo del PC derivano dal fatto che il computer personale potrebbe contenere materiale di consultazione che non può essere usato durante la prova.

Quale potrebbe essere la soluzione a questo problema?

Creare nel PC un nuovo account utente, dedicato appositamente all’esame, dove si troveranno i programmi abitualmente usati dallo studente ma nessun documento, a parte eventuali dizionari.

L’account abituale del PC va protetto con una password, che la commissione potrà cambiare prima dell’esame, assicurando così che lo studente possa accedere solo all’account dell’esame, su cui andrà inoltre disattivato l’accesso a internet.

A questo link è disponibile una breve guida sulla creazione di un account per PC con sistema operativo windows.

INTEGRAZIONE CREDITI FORMATIVI

Vi ricordiamo infine che la media può essere integrata anche con i crediti formativi per le attività extra scolastiche. A questo proposito, vi segnaliamo le indicazioni del MIUR:

http://www.istruzione.it/urp/credito_scolastico_formativo.shtml

 

 

 

Giacomo Cutrera vice presidente AID si racconta 17 maggio 2017

giacomo“La dislessia non è una malattia, ma una caratteristica che alcune persone hanno.
C’è chi nasce mancino e non riesce a usare la mano destra, così c’è chi nasce dislessico e ha bisogno del doppio di tempo rispetto agli altri per leggere e capire quello che è scritto…………”
Il vicepresidente AID e autore del libro “DEMONE BIANCO”  Giacomo Cutrera si racconta al settimanale Confidenze tra amiche: le difficoltà a scuola, la scoperta della dislessia e come è riuscito ad affrontarla.
L’intervista completa è disponibile QUI

Alternanza Scuola-Lavoro: Protocolli per svolgimento di attività rivolte ad alunni disabili, BES, DSA e alunni stranieri

La legge n. 107/15, cosiddetta della Buona Scuola ha riformato, tra l’altro, l’alternanza scuola-lavoro prevista per le Scuole Secondarie di Secondo Grado prevedendo, per gli istituti tecnici e professionali, nel secondo biennio e nell’ultimo anno del percorso di studi, almeno 400 ore e, per i licei, nel triennio, almeno 200 ore.
La legge 107, nell’indicare le modalità di attivazione dei percorsi di alternanza scuola-lavoro, non fa alcun riferimento agli alunni con disabilità, dunque non escludendoli, ma includendo semplicemente gli stessi, nei soggetti cui è rivolto l’obbligo del percorso se seguiti con programmazione per obbiettivi minimi.

La 107 precisa inoltre che il percorso di alternanza si attiene a quanto previsto dal Dlgs. n. 77/05, nel quale è indicato che i periodi di apprendimento mediante esperienze di lavoro sono dimensionati, per i soggetti disabili, in modo da promuoverne l’autonomia anche ai fini dell’inserimento nel mondo del lavoro progettando le esperienze in misura coerente con gli specifici bisogni degli alunni. Dunque l’alternanza Scuola-Lavoro rappresenta un’ottima opportunità di inclusione per i ragazzi con disabilità individuando però scelte coerenti con le attitudini e con le specificità dei ragazzi. In caso contrario diventa mero atto formale e grande occasione persa.

Tuttavia sono tante le scuole secondarie che hanno siglato accordi con enti e imprese per lo svolgimento di attività di alternanza scuola lavoro e che però non hanno ancora definito specifici protocolli da seguire per garantire agli alunni disabili certificati ai sensi della 104/92 (sia per quelli che intraprendono un percorso scolastico differenziato che per quelli con programmazione ad obiettivi minimi), agli alunni riconosciuti BES o DSA, nonché agli alunni stranieri, analoghe opportunità formative ed orientative previste per gli alunni normodotati o non in situazioni di difficoltà. Di seguito esempi di protocolli rivolti ad alunni disabili, Bes, DSA e alunni stranieri con le indicazioni da seguire per garantire le stesse opportunità nelle attività di alternanza scuola lavoro.

1. PROTOCOLLO PER ALUNNI DISABILI
Attraverso l’alternanza scuola lavoro si cercherà di creare una corrispondenza tra le individuali abilità ed autonomie del soggetto, gli apprendimenti scolastici e le prassi operative richieste da un contesto socio-riabilitativo o lavorativo reale che può offrire l’attività che interesserà gli alunni dell’intera classe al fine di garantire una migliore inclusione possibile del disabile. In tale fondamentale raccordo tra scuola, risorse del territorio e mondo del lavoro si procederà nel rispetto dei bisogni educativi-formativi speciali dell’alunno diversamente abile e si farà particolare attenzione che tale esperienza sia coerente al singolo progetto didattico-educativo espresso nel PEI. Per tal ragione nella pianificazione, nell’attuazione e nella valutazione del progetto alternanza scuola- lavoro sarà resa partecipe anche la famiglia dell’alunno.

1.1 Finalità
L’opportunità di alternare vari momenti di apprendimento (a scuola e in contesto lavorativo, seppur protetto) avrà come finalità quella di promuovere processi d’integrazione sociale e lavorativa di pari passo allo sviluppo dell’autonomia dell’allievo in un’ottica progettuale individualizzata e flessibile. L’intento è di completare il percorso educativo-formativo attuato a scuola con la concretezza della situazione operativa in altri contesti di vita. Inoltre gli esiti di tale esperienza consentiranno alla famiglia e alle varie figure professionali coinvolte di conoscere meglio le reali potenzialità del soggetto. Nello specifico attraverso l’alternanza scuola-lavoro si offrirà la possibilità all’alunno e alla sua famiglia di:

  • consolidare e concretizzare gli apprendimenti scolastici in un contesto differente;
  • sperimentare ambienti extra scolastici diversi;
  • vivere ed arricchire le esperienze sociali;
  • sviluppare competenze ed autonomie personali e lavorative;
  • acquisire maggiore consapevolezza sulle abilità e sulle autonomie raggiunte;
  • favorire l’orientamento in uscita per pianificare e intraprendere percorsi del “dopo scuola”;
  • costruire rapporti ed alleanza con le risorse del territorio.

1.2 Obiettivi Formativi
Progettare e promuovere a scuola e nell’extrascuola:

  • l’autonomia personale e relazionale del soggetto;
  • le competenze relazionali e sociali richieste;
  • la capacità di adattamento del soggetto al diverso contesto;
  • il trasferire conoscenze e competenze scolastiche nell’ambito esterno alla scuola;
  • l’acquisizione di autonomie lavorative per eseguire le mansioni e le consegne assegnate;
  • la motivazione e l’impegno protratto nel tempo e per gradi;
  • la disponibilità ad essere guidato e corretto;
  • la capacità di affrontare i cambiamenti e le variabili;
  • il senso di responsabilità;
  • il grado di motivazione ed interesse;
  • le autonomie operative-lavorative richieste;
  • i punti di forza e di debolezza.

1.3 Figure Coinvolte

Nel percorso di integrazione sociale e lavorativa di un alunno diversamente abile sarà indispensabile la sinergia tra tutte le diverse figure coinvolte nel percorso d’integrazione del soggetto:

  • personale scolastico (dirigente scolastico, consiglio di classe composto da insegnanti di sostegno e curriculari);
  • personale e servizi dell’ASL di riferimento (specialisti, educatori, operatorisocio-sanitari, funzionari addetti all’inserimento lavorativo);
  • risorse presenti sul territorio con cui sono stipulati accordi generali per alternanza scuola lavoro per alunni normodotati (enti pubblici e privati, aziende, varie tipologie di cooperative di lavoro) in cui comunque dovranno essere resi disponibili diversi ambiti lavorativi protetti a seconda del grado e della tipologia di disabilità.

1.4 Modalità e Fasi Attuative
Nell’ambito della fase progettuale la scuola, in accordo con la famiglia, potrà eventualmente avvalersi della consulenza degli specialisti dell’ASL che seguono l’alunno per stabilire, caso per caso, in quale contesto extrascolastico sarà più opportuno calare l’esperienza di alternanza scuola-lavoro sulla base delle finalità e degli obiettivi educativi-formativi che si intendono perseguire. Per gli alunni che presentano una grave disabilità tale da necessitare anche del supporto di un operatore socio-sanitario, qualora reperibile e disponibile dai servizi del Piano di Zona, associazioni o enti, sarà opportuno pianificare le attività dell’alternanza scuola-lavoro in collaborazione (e in compresenza sul contesto ospitante) di tale figura professionale. Inoltre soprattutto entro il V anno scolastico sarà eventualmente opportuno attivare la collaborazione dei servizi territoriali di riferimento che si occupano di inserimento lavorativo per la disabilità. Poiché il docente di sostegno costituisce la fondamentale figura di mediatore nel percorso educativo e formativo dell’alunno diversamente abile, sarà consigliabile che egli sia designato all’interno del consiglio di classe come tutor per il progetto di alternanza scuola-lavoro dell’alunno di cui è referente. Una volta pianificati questi fondamentali criteri, nella fase attuativa il docente tutor interno dovrà concordare con il tutor esterno del contesto ospitante (lavorativo o socio-riabilitativo) le finalità e le modalità del progetto tenendo conto di vari aspetti specifici della singola situazione e tenendo conto sia della conoscenza dell’alunno che del contesto extra scolastico.
1.5 Conoscenza dell’alunno:

  • quanto stabilito nel P.E.I. dell’alunno (piano educativo individualizzato);
  • i bisogni educativi e formativi;
  • i livelli di partenza in termini di attitudini, abilità, conoscenze, competenze;
  • le dinamiche di apprendimento (teorico e pratico);
  • gli ambiti di autonomia da potenziare;
  • il progetto di vita dopo la scuola.

1.6 Informazioni sul contesto extrascolastico:

  • le caratteristiche dell’ambiente anche in termini di sicurezza;
  • la fattibilità delle mansioni e compiti assegnati;
  • la coerenza delle attività con gli apprendimenti scolastici e le autonomie presenti e o da raggiungere;
  • modalità di affiancamento nelle attività e strategie operative;
  • aspetti di flessibilità (orari, tempi, pause, spazi);
  • valutazione dell’efficacia degli interventi;
  • valutazione delle criticità, dei rischi e delle eventuali controindicazioni;
  • i punti di forza e di debolezza del contesto.

Quindi per rendere più congrua l’interazione tra soggetto e ambiente extra-scolastico e per coniugare al meglio le esigenze dell’alunno con quelle della struttura ospitante (lavorativa osocio- riabilitativa) è opportuno considerare approccidiversi. Per accompagnare l’inserimento dell’alunno diversamente abile con passaggi graduali e di affiancamento sarà usato un approccio socio-ambientale con la previsione di:

  • visite guidate preliminari nell’azienda/cooperativa/ente;
  • orientamento nell’ambiente in termini di conoscenza degli spazi e delle persone con cui l’alunno (la sua famiglia e l’eventuale operatore socio-sanitario) dovrà rapportarsi;
  • acquisizione delle regole proprie del contesto in cui sarà inserito;
  • comprensione delle mansioni/attività da svolgere all’interno dei diversi processi produttivi aziendali;
  • riconoscimento dei ruoli e dei basilari diritti e doveri dello studente equiparato alla figura del “lavoratore”.

A tale approccio seguirà uno più operativo con l’individuazione e l’attivazione di varie competenze:

  • competenze sociali in cui rientrano tutti gli aspetti relazionali e il saper essere del soggetto;
  • competenze professionalizzanti che consentano la trasposizione delle competenze scolastiche in abilità operative concrete traducibili nel saper fare del soggetto.

Infine nella fase valutativa del progetto avverrà la rilevazione di tutto l’iter formativo realizzato dal soggetto e si attuerà attraverso un confronto fra tutte le parti coinvolte (in itinere e alla fine). In sintesi si procederà con un bilancio dell’esperienza attraverso:

  •  osservazione del livello di conoscenze e competenze di partenza;
  • rilevazione del livello di partecipazione e di autonomia attivata;
  • stima del raggiungimento degli obiettivi prefissati;
  • registrazione degli eventuali progressi intrapresi;
  • valutazione del lavoro prodotto;
  • analisi dei punti di forza e di debolezza;
  • autovalutazione del soggetto sul percorso svolto.

I risultati della valutazione e l’analisi dei dati raccolti saranno condivisi con il consiglio di classe, la famiglia dell’alunno, il personale ASL, ed eventuali servizi, enti o agenzie preposte all’inserimento lavorativo in modo da orientare e pianificare il futuro del soggetto disabile dopo la scuola.

2. PROTOCOLLO PER ALUNNI DSA, BES e Alunni Stranieri.
Nella valutazione dei percorsi in regime di alternanza scuola lavoro per gli alunni con disturbi specifici di apprendimento (DSA), con bisogni educativi speciali (BES) e stranieri, come per gli alunni disabili, valgono le stesse disposizioni compatibilmente con quanto previsto dalla normativa vigente. Pertanto in analogia a quanto già descritto e previsto al punto 1, per gli alunni disabili, anche per alunni DSA, BES e stranieri nell’ambito degli accordi di alternanza scuola lavoro sottoscritti, saranno attivati percorsi che siano in grado di garantire compiutamente l’inclusione nel contesto lavorativo al fine di garantire la piena partecipazione alle attività in totale sicurezza. Nel caso di alunni stranieri sarà inoltre garantita la piena partecipazione alle attività di A.S.L. scegliendo percorsi presso imprese o enti che garantiscano la presenza di personale che siano in grado di parlare in lingua inglese e assicurando, ove necessario, la presenza di un mediatore e facilitatore linguistico. Sarà inoltre cura del tutor aziendale accompagnatore scolastico e mediatore verificare preventivamente la comprensione delle fasi lavorative e delle mansioni previste per lo svolgimento delle attività di A.S.L.

Fonte: www.professionistiscuola.it

Sito di Supporto allo studio per Bambini e Ragazzi con DSA e non

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi